Ondulante da tappo di birra

Con questo articolo inizio a parlare di autocostruzione. Ondulanti, rotanti, minnow, mosche, tutto sarà trattato da qui in avanti, a partire dai materiali per poi passare alla costruzione vera e propria

Ondulante da tappo di birra

ondu_01

La realizzazione è molto semplice e veloce.
L’occorrente è il minimo indispensabile: un tappo di birra, piombini, ancoretta, filo d’acciaio, perline ed attrezzi vari.
Nel video di seguito sono illustrate le fasi di costruzione, ma le elencherò brevemente anche qui.
Innanzitutto occorre effettuare due fori ai due lati del tappo, in seguito si inserirà il filo d’acciaio, si riempirà il tappo con i piombini e si chiuderà lo stesso. La parte più difficile viene con la creazione degli anellini di testa e di coda, in quest’ultimo ricordarsi di inserire l’ancoretta (o anche no, se preferite usare degli split ring). Questo è quanto, vi lascio al video:

Mi rendo conto che la qualità delle riprese è scarsina, forse un po’ distanti dall’azione vera e propria, ma con i prossimi video cercherò sicuramente di migliorare.
Già che ci sono ne approfitto per indirizzarvi al mio canale di youtube, sul quale caricherò non solo video di autocostruzione, ma anche le mie uscite in pesca.

Se costruiti nel modo giusto questi ondulanti fanno il loro sporco lavoro, hanno sicuramente un’efficacia maggiore in laghetto piuttosto che in acque libere, e la cosa migliore è la possibilità di sbizzarrirsi nei colori.
C’è anche la possibilità di unire due o più tappi per creare un ondulante composito.
Insomma, potere alla fantasia in questa realizzazione.

ondu_02

Visite:

(297)